Si fa presto a dire brainstorming

Brainstorming per pianificare, brainstorming per decidere, brainstorming per condividere: insomma è una delle parole più gettonate degli ultimi anni.
Lo usiamo senza rendercene conto, ne abbiamo intuito e testato l’utilità, ma a livello tecnico che cos’è il brainstorming?

Si tratta dell’esercizio più importante per la stimolazione dell’emisfero destro, è un allenamento fondamentale per le tecniche di memoria.
Il brainstorming infatti consente alla mente di spaziare con la fantasia alla ricerca di immagini libere, non necessariamente applicabili su un piano di realtà, spesso irreali o assurde e per questo più facilmente memorizzabili.

L’obiettivo del brainstorming è quello di esternare idee che, almeno in una fase iniziale, non siano applicabili.
Originariamente il brainstorming è stato pensato per:
· Definire il problema
· Scegliere un obiettivo
· Produrre idee
· Scegliere le idee migliori tra quelle proposte come possibili soluzioni

Per poter essere realmente efficace ed utile per i partecipanti il brainstorming deve svolgersi nel rispetto di alcune importanti condizioni in mancanza delle quali verrebbe fortemente meno la sua riuscita.
Vediamole nel dettaglio:
· Autostima: è importante approcciare al brainstorming con un buon livello di autostima per potersi confrontare con gli altri partecipanti;
· Non devono esserci gerarchie o capi, attorno al tavolo del brainstorming le differenze di posizione professionale non devono avere alcuna valenza se si vuole che l’equilibrio del brainstorming non venga alterato;
· Il rispetto tra i partecipanti è fondamentale affinché tutti possano lanciarsi liberamente in questo processo;
· Dare libera voce alla creatività;
· Non è possibile commentare le idee espresse degli altri partecipanti, il brainstorming è libero dalle dinamiche del giudizio;
· E’ importante che le persone presenti al brainstorming non siamo esperte sull’argomento trattato in modo da non farsi troppo condizionare da dinamiche razionali legate alla conoscenza e agire lavorando esclusivamente con la fantasia;
· Non bisogna aver paura di prendere la parola ed esporsi davanti agli altri partecipanti;
· E’ molto importante mantenere sempre alto il livello di produzione di idee.

Siamo nel pieno della tempesta, ci fermiamo per ora, ma non finisce qui: appuntamento al prossimo post!

Vuoi approfondire quello che hai letto? Scrivi a manuel@imemouniversity.it