Mappa mentale vs errori di contesto! Non c’è battaglia!

imemouniversity - mappa mentale

Come avrai capito la mappa mentale ha un ruolo molto importante in termini di metodo di studio, di processi di memorizzazione, di opportunità di apprendere senza rimanere legati a sovrastrutture limitanti.
Nel post precedente abbiamo incontrato i nemici della mappa mentale, nello specifico gli errori legati alla gestione del testo.

Oggi smantelliamo un altro ostacolo su cui lavorare e riguarda gli errori legati al contesto.
L’assimilazione dei contenuti, in un processo di apprendimento per essere realizzata pienamente richiede delle specifiche condizioni di contesto. Fattori apparentemente irrilevanti coma la posizione in cui si studia, o l’ambiente in cui ci troviamo mentre analizziamo il testo possono avere una notevole incidenza sul processo di assimilazione dei concetti. Quando parliamo di posizione ci riferiamo naturalmente alla postura adottata al momento dello studio. Sembra scontato dover ribadire che la postura più sana per studiare sia seduti a una scrivania e composti, ma a quanto ci raccontano gli studenti che si rivolgono a noi, questo elemento non va dato assolutamente per scontato visto che una piccola percentuale di studenti studia assumendo la postura indicata. Ci giungono location di ogni tipo dai racconti delle esperienze dei nostri studenti: dondolo da giardino, sdraio, letto, divano, panchine, prato del parco, autobus!
Queste posizioni non solo sono dannose per la colonna vertebrale, il collo, le braccia, ma sono deleterie anche per la concentrazione perché in breve tempo danno luogo ad una sintomatologia che induce lo studente a cambiare posizione e per questo a interrompere continuamente il processo di apprendimento. L’interruzione dello studio dovuta al cambiamento di posizione, o addirittura di luogo, è casuale e non rispetta gli intervalli di pausa regolari previsti per lo studio.
Una giusta posizione facilita la concentrazione ed è senza dubbio più salutare.
Se vogliamo favorire la nostra concentrazione e la velocità di lettura è necessario assumere una posizione eretta e usufruire di un leggìo. Questo consente la migliore visione dei testi che dobbiamo studiare, favorendo una respirazione diaframmatica corretta che consente di mantenere alta la concentrazione e ci velocizza nella lettura del testo.
Va aggiunto che oltre ad una ponderata scelta della seduta andrebbe assolutamente considerata anche la scelta del tipo di ambiente, lontano da musica, televisione, voci distraenti, luoghi rumorosi.
Appuntamento al prossimo errore…ops al prossimo post!

Se ti è piaciuto quello che hai letto vieni ad assistere ad una lezione introduttiva di iMeMo University, nella quale vedrai dal vivo come costruire una mappa mentale e potrai chiarire i tuoi dubbi.
Per informazioni contatta manuel@imemouniversity.it